Osho Sammasati approccioOsho Sammasati: morire con una radicale differenza! Che cosa succederebbe se la morte cessasse di far paura? Se ci fosse un modo per prepararsi come si fa per qualunque altro viaggio? Se tu e le persone che ami potreste morire non solo in pace, ma gioiosamente?

La buona notizia è che molti di noi stanno pensando a un modo nuovo in cui vedere la morte.

Ci chiediamo se il voler conoscere la morte sia a) morboso, b) contro la vita, c) oppure se la avvicini.

La visione di Osho Sammasati è (come dice Dame Cecily Saunders, fondatrice dell’ Hospice Movement in UK): la morte è naturale tanto quanto la nascita. E, come afferma il mistico contemporaneo Osho: siamo tutti gravidi della nostra morte.

Questo è il nostro approccio: se sappiamo che la morte è inevitabile e che fa emergere in noi paure ed insicurezze, perché non accettare che queste ci sono e andarle subito ad esplorare?

Rimandare la preparazione a quando si esalerà l’ultimo respiro è come aprire il paracadute quando si sta già precipitando; oppure è come decidere di partecipare a una classe di preparazione al parto quando il bambino sta per nascere!

Il fatto curioso è che più si approfondisce il soggetto della morte, più ci si sente vivi.

Sempre più persone pubblicano libri sui loro ultimi mesi e giorni di vita. Affermano che quando ammettono: “Sì, sto morendo”, il loro apprezzamento alla vita cambia qualitativamente.

Mettiamola in questo modo: quando sai di avere di fronte a te un limitato numero di momenti, dai valore come non mai ad ogni momento che hai a disposizione. Sapere che non hai un futuro davanti a te, che la vita può finire da un momento all’altro, ti catapulta in ciò che c’è proprio ora. Il tempo si espande. Ti rilassi e scopri un senso più vasto di chi sei. Inizi a vivere con passione e ad amare con un’intensità che prima ti era sconosciuta.

Le persone che stanno morendo, che devono dire addio a chi amano e alla vita come l’hanno conosciuta finora, scrivono non di essere rassegnati al loro destino e non di aver raggiunto solo uno stato di semplice accettazione, ma di estasi.

Se questo è stato il modo in cui hai vissuto, quando il tuo corpo esalerà l’ultimo respiro, potrai lasciarlo andare senza alcun rimpianto, in pace, anzi, con gioia e gratitudine.

E c’è un altro fatto curioso: questo stato rilassato e sveglio di vivere il presente al massimo, del tempo che si espande e di te stesso che cambi, di provare una connessione più profonda, di vitalità ed estasi, è ciò che molti hanno provato con la meditazione! La meditazione è una via naturale non solo per vivere, ma anche per morire.

 

Vantaggi di Osho Sammasati

  • si vive con maggior vitalità, totalità e consapevolezza
  • ci si prepara consciamente ad una morte vista meno come calamità e più come celebrazione
  • si riconosce la meditazione come via naturale per i due vantaggi di cui sopra

Abbiamo molte risorse per sostenerti nel vivere e morire consciamente e per metterti in grado di esserci per coloro che ami, così da rendere diverso il loro modo di morire.

Chiave essenziale di quello che viene offerto è racchiusa nel significato della parola “sammasati”. E’ una chiave importante per tutti, chiunque tu sia e qualunque sia la tua esperienza.

“Sammasati” significa “il giusto ricordo”. Il “giusto ricordo” è che siamo molto di più che non solo il corpo e la mente: siamo consapevolezza o coscienza. “Giusto ricordo” è l’essere sintonizzati con quello spazio in cui si osserva o semplicemente si nota il continuo cambiamento del corpo, dei pensieri e delle sensazioni della mente. Questa è l’essenza della meditazione.

La meditazione è possibile per tutti, indipendentemente dalla religione a cui si appartiene o dalla sua mancanza. Non ne attribuiamo alcun credo. La visione di OSHO ti offre la saggezza e l’esperienza del mistico, ti offre intuizioni da usare – secondo le parole di Osho stesso – solo come “ipotesi di lavoro”. Sosteniamo la sperimentazione individuale e la comprensione che inevitabilmente ne consegue. Per questo motivo i nostri workshops sono esperienziali e non teorici.

Noi pensiamo che il sostegno che offriamo agli altri – nel vivere o nel morire – è qualitativamente differente quando è un prodotto della nostra esperienza, quando abbiamo esplorato lo spazio di silenzio e di lasciar andare, quando abbiamo compreso che cosa ci impedisce di entrare dentro di noi e quando abbiamo imparato ad andare in profondità.

Quindi suggeriamo a tutti di prendere familiarità con la pratica della meditazione e di trovare l’opportunità di esplorare che cosa significa per noi la nostra morte, partecipando ai workshops inerenti a ciò.

Leggi alcune testimonianze di persone che hanno partecipato ai workshops o agli eventi e di coloro che sono stati sostenuti individualmente.

Trovi ulteriori informazioni sul nostro modo di lavorare in “La visione di OSHO

Diamo il benvenuto a te, al tuo coinvolgimento e sostegno in questa visione e anche ai tuoi suggerimenti e feedback.

Puoi restare in contatto con noi iscrivendoti gratis alla nostra newsletter e puoi unirti a noi online su  FacebookTwitter, YouTubeLinkedIn, e sul nostro blog.

Puoi anche visitare OSHO Sammasati visione

 

Contenuto relativo: Su OSHO Sammasati

Pagina originale in inglese

Access Your
Free Guide